La macchina da cucire

La macchina da cucire

La signora Antonella era la proprietaria della migliore sartoria della città. Era una donna anziana, ma ancora piena di energia e passione per il suo lavoro. La sua sartoria era conosciuta in tutta la città per la sua qualità e per la sua attenzione ai dettagli.

11001372689?profile=RESIZE_584x

Una mattina, mentre Antonella stava lavorando alla sua macchina da cucire, entrò nella sua sartoria un giovane uomo,un poco  timido e un imbarazzato, Antonella lo accolse con un sorriso e gli chiese cosa potesse fare per lui.

Il giovane spiegò che aveva un matrimonio imminente e che stava cercando un abito su misura per la cerimonia. Antonella era felice di aiutarlo e gli chiese di farsi misurare per creare un abito che fosse perfetto per lui.

Mentre Antonella e il giovane parlavano dell' abito, i suoi occhi si posarono su una vecchia macchina da cucire, che era appartenuta alla  bisnonna della sarta. La macchina era vecchia e polverosa, ma Antonella l'aveva tenuta con cura, come un prezioso tesoro di famiglia.

11001372888?profile=RESIZE_584x

Il giovane notò il suo sguardo e le chiese della vecchia macchina. Antonella raccontò la storia della macchina da cucire, di come fosse stata passata di generazione in generazione nella sua famiglia e di come fosse stata usata per creare abiti per molte occasioni speciali.

Il giovane uomo sembrava affascinato dalla storia della macchina e Antonella decise di fargli un regalo speciale. Lasciò il giovane uomo scegliere una stoffa pregiata e cominciò a lavorare sull'abito, utilizzando proprio la vecchia macchina da cucire.

Mentre cuciva, la donna raccontava al giovane la storia della sua famiglia e delle sue radici nella sartoria. Il giovane uomo ascoltava attentamente, affascinato dalla passione e dalla dedizione di Antonella per il suo lavoro.

Quando l'abito fu finito, il giovane lo provò e si guardò allo specchio con un sorriso soddisfatto. L'abito gli stava perfettamente e sembrava fatto apposta per lui. Antonella era felice di vedere il giovane così soddisfatto e gli disse che sperava che l'abito lo accompagnasse in molte occasioni speciali.

Il giovane ringraziò Antonella con un sorriso e le disse che non avrebbe mai dimenticato l'esperienza che aveva avuto nella sua sartoria. Antonella sorrise, felice di aver potuto fare un regalo speciale a qualcuno che apprezzava il valore del lavoro sartoriale e la bellezza delle tradizioni di famiglia.